La proposta di legge sull'anonimato del vincitore al lotto del Michigan è allo studio del Senato | theLotter
 
 
 

La proposta di legge sull'anonimato del vincitore al lotto del Michigan è allo studio del Senato

25 set 2012

Nel bel mezzo di tutte le controversie che riguardano i diritti all'anonimato dei vincitori delle lotterie USA, lo stato del Michigan si è associato alla discussione con in occasione dell’ apparizione del recente vincitore di Lapeer del fantastico jackpot da 337 milioni di dollari del lotto Powerball.

Come in molti stati USA che stanno riconsiderando la questione dell'anonimato dei vincitori dei jackpot al lotto, nello stato del Michigan il Senato sta studiando ora una proposta di legge che avrebbe potuto impedire la gran chiassata che i vari media hanno fatto della vincita di 337 milioni di dollari al lotto Powerball da parte del residente della cittadina di Lapeer, Donald Lawson.

Lawson fu presentato durante una conferenza stampa, il 31 Agosto, e si auto proclamò un "primitivo" ed espresse le sue riserve circa l'esposizione pubblica che faceva seguito alla sua ingente vincita.

"Sono una persona schiva. Questo è tutto quanto desidero essere. Non amo il caos, ma stavolta sono costretto ad affrontarlo," disse.

Mentre i vincitori dei giochi del lotto multi-stato come Mega Millions e Powerball sono molto spesso decisi a mantenere la massima possibile riservatezza dopo la loro vincita, sia per motivi di discrezione che di sicurezza, i funzionari del lotto ritengono che la trasparenza e la loro esposizione siano al centro del successo riportato dai giochi del lotto.

Il lotto del Michigan, come quelli del New Jersey, Illinois ed altri giochi multi-stato del lotto che hanno sollevato di recente la questione dell'anonimato dei vincitori, sono preoccupati che l'anonimato dei vincitori dei jackpot possa influire negativamente sulla loro capacità di promuovere i popolari giochi multi-stato che producono grosse vincite, fino all'importo di 656 milioni di dollari del jackpot Mega Millions dello scorso Marzo.

La vista del vincitore non solo rafforza la promozione dell'organizzazione del lotto ma alla lunga contribuisce all'integrità del gioco del lotto stesso assicurando che le vincite sono pagate secondo il regolamento di gioco in vigore.

Il lotto Michigan Lottery ha espresso la sua preoccupazione riguardo la proposta di legge che intende limitare la copertura della stampa sulle vincite e vincitori di jackpot, una necessità dei media ed una delle forze primarie di spinta che generano il successo nelle vendite, sostiene l'organizzazione dei giochi del lotto.

Lo sponsor della proposta di legge, Tory Rocca, non crede alla tesi sostenuta dal lotto Michigan Lottery secondo la quale minori possibilità di promozione per grossi vincitori di jackpot significano vendite ridotte. Rocca sottolinea che il vero agente responsabile alle vendite è il numero di zeri che figurano sull'importo del premio in palio, notando che sui cartelloni pubblicitari appare sempre "in grande, il numero che mostra quanto grande è il jackpot" — non la foto o i dettagli dei vincitori.

La portavoce del lotto, Andi Brancato, si rifà alle recenti statistiche per contraddire la teoria di Rocca, secondo la quale il jackpot è l'unico fattore determinante, citando che le vendite dei biglietti del lotto Powerball in Michigan sono aumentate del 13 percento da quando Lawson rivendicò la sua vincita, alla fine del mese scorso.

"Abbiamo avuto un'enorme copertura dei media dopo che abbiamo annunciato il vincitore ed organizzato gli eventi come l'annuncio di una conferenza stampa," afferma. "Potremmo non aver avuto la sua immagine sul cartellone pubblicitario, ma la voce si è sparsa dappertutto. Abbiamo avuto una vasta copertura — in tutto il paese ed anche al di fuori del paese."

La discussione si allarga ad altri stati USA in una sorta di dichiarazione di guerra tra i cittadini che desiderano la protezione dei loro diritti alla riservatezza e le organizzazioni del gioco del lotto che sostengono che una certa esposizione vada a beneficio della propria organizzazione e alla fiducia che ciò può indurre nei giocatori.

"Sareste certo sorpresi se sapeste quante persone ci chiamano per dire , 'non c'è mai un vincitore,'" afferma la Brancato. Al contrario, "i giocatori vincono e noi assegniamo loro i premi. È importante che si possa farlo vedere a tutti."